december, 2023

09dec16:0016:00Grazia Marchianò Interiorità e finitudine: la coscienza in cammino

Time

(Saturday) 16:00 - 16:00

more

Event Details

Grazia Marchianò Interiorità e finitudine: la coscienza in cammino
Rosenberg & Sellier
Orizzonti eurasiatici : Introduzione a un’assorta esperienza trasformativa
Introduce Paolo Roberti di Sarsina
Grazia Marchianò, già Ordinario di Estetica e Storia e Civiltà dell’India e dell’Asia Orientale all’Università di Siena-Arezzo, ha iniziato la sua carriera accademica all’Università della Calabria.
Nel 2004 ha ricevuto la laurea honoris causa alla Open University di Edinburgo.
E’ specialista negli East-West Studies, ha svolto ricerche sul campo in India e in Giappone con particolare riguardo all’irradiazione del Buddhismo filosofico dall’India al Tibet all’Estremo Oriente.
Ha soggiornato a lungo in India alla scuola di maestri dell’Advaita Vedanta e in Giappone è stata iniziata al lignaggio tantrico giapponese Shingon.
Nel 2023 le è stato conferito il “Premio Montale per la letteratura” con la seguente motivazione: “Marchianò è uno dei pochi studiosi in Italia che conoscono la filosofia dell’Occidente e non ignorano quella dell’Oriente e che, essendo esperti della seconda, non disprezzano la prima, e ha anche il grande merito di avere avuto una chiara visione di come le due civiltà possano completarsi a vicenda”.
“Marchianò non è solo una rigorosa conoscitrice delle vie euroasiatiche alla conoscenza ma, come dimostra nel suo ultimo libro “Interiorità e Finitudine: la coscienza in cammino. Orizzonti euroasiatici” (Rosenberg & Sellier 2022) è anche in grado, come scrive la bizantinista Silvia Ronchey “di mettere in luce i punti di tangenza che le antiche dottrine dei veggenti vedici, dei Maestri del Tao, dei Buddhisti e dei monaci Zen, senza dimenticare gli studi dei presocratici, di Platone e certi mistici bizantini, hanno con i nuovissimi studi sulla mente e sulla coscienza svolti dal fisico-matematico britannico e Premio Nobel Sir Roger Penrose e dall’anestesiologo e neurobiologo statunitense Stuart Hameroff”.
Autrice di una decina di volumi con vari editori e di altrettanti d’impronta accademica, ha diretto collane di estetica comparata e orientalistica presso svariati editori italiani e internazionali. Suoi saggi sono pubblicati in ERANOS Yearbook nn.70, 72, 74, 75, su «Spring. A Journal of Archetype and Culture», n.92, su «Temenos Academy Review» n.19 e in Octagon “La ricerca della totalità”, Scientia nova, Gaggenau 2017.
Dal 1977 è stata compagna di vita, di pensiero e di studi di Elémire Zolla (che aveva conosciuto nel 1969-70 all’epoca in cui egli era segretario dell’Istituto Accademico di Roma, e che sposò nel 1980) fino alla sua morte nel 2002.
Già presidente dell’Associazione Italiana di Estetica (AISE), ha fondato e presieduto l’Associazione Internazionale di Ricerca Elémire Zolla (AIREZ) allestendo 5 fascicoli della rivista «Conoscenza Religiosa» nuova serie (2010-2012) e il Convegno internazionale “Labirinti della mente. Visioni del mondo. Il Lascito intellettuale di Elémire Zolla nel XXI secolo” (Società Bibliografica Toscana, Sinalunga 2012).
E’ responsabile del Fondo Scritti Elémire Zolla e autrice della biografia intellettuale dello scrittore “Il Conoscitore di Segreti” (Marsilio, Venezia 2012).
Presso questo editore cura e analizza l’Opera Omnia dello scrittore, riconosciuta dall’UNESCO Bene Immateriale dell’Umanità, assieme ai 67 fascicoli della rivista “Conoscenza Religiosa” (1969-1983), donati all’Accademia Vivarium Novum a Villa Falconieri, Frascati, assieme alla Biblioteca di circa 10.000 volumi e all’Archivio Zolla.
Grazia Marchianò conclude con queste parole un’intervista a un noto quotidiano italiano “purtroppo oggi parole come “esoterismo”, “spiritualità”, “mistica”, “risveglio” sono inquinate da tutto quello che l’Occidente ci ha messo dentro. Bisogna guardare le cose come sono, è questo il maggior insegnamento di Zolla. Quanto al buddhismo giapponese, è molto diverso da quello indiano. Quest’ultimo si basa sulla dottrina, sulla parola e i dotti commenti. L’altro sul gesto e il silenzio. Il percorso interiore non è frutto di discussioni dialettiche ma di un’introspezione meditativa in solitudine, cui ho votato quasi interamente la mia vita”.

Paolo Roberti di Sarsina presidente della Fondazione per la Salutogenesi e dell’Associazione Rimé per la Pratica, Promozione e Diffusione Non Settaria del Dharma

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri la chat
Serve aiuto? Scrivimi qui
Ciao sono Cesare, il libraio della Libreria esoterica Ibis per chiedermi informazioni oppure ordinare dei libri attiva la chat e scrivimi qui 👍
X